Kymco X-Town 300i


di Stefano Borzacchiello Da Dueruote di Novembre 2016
Kymco X-Town 300i Dall'archivio Prove
  1. 276,00 cc
  2. 24,5 CV
  3. 1 cilindro orizz.
  4. Euro4
  5. € 4.720 c.i.m.

Praticità, capacità di carico e un motore da 300 cc: la casa taiwanese ha condensato nel suo nuovo midi quel che serve per muoversi nel traffico tutti i giorni e allo stesso tempo partire per un viaggio nel fine settimana

Per raggiungere l’equilibrio delle nostre giornate, una abitudine fondamentale è saper impiegare al meglio il tempo, ottimizzando in particolare quello necessario agli spostamenti. In questo senso lo scooter si rivela la scelta ideale: rapido e veloce, quando è di media cilindrata e ben progettato può rappresentare il mezzo totale per muoversi, per le spese quotidiane e anche per affrontare qualche spostamento fuori città. In questo senso i "midi" arrivati negli ultimi anni rappresentano una delle soluzioni più azzeccate per chi è alla ricerca del miglior compromesso fra prestazioni e praticità. Proprio in questa categoria si inserisce il Kymco X-Town 300i ABS, il nuovo entry-level nella gamma "midi" della Casa taiwanese, composta dal K-XCT e dalla famiglia Downtown. L'X-Town è disponibile in due versioni: il 125 e il 300 protagonista della prova. Su quest'ultimo debutta il monocilindrico da 276 cc, un 2 valvole raffreddato a liquido da 24,5 CV. Un mono di ultima generazione, che punta all'efficienza più che alla potenza e infatti ha una testata inedita con bilancieri che lavorano su rullini, in modo da diminuire attriti e rumorosità. Un decompressore centrifugo facilita invece le partenze a freddo.

Non solo stile

L'X-Town colpisce per le linee tese del frontale, dominato dai gruppi ottici, che si accordano a quelle filanti del posteriore dove è inserito un grande faro a led. Il design sportivo non deve però trarre in inganno: la praticità è stata tenuta al primo posto nella progettazione. Nel retroscudo c'è un cassettino abbastanza profondo, che ospita una comoda presa USB. Nel sottosella, ampio e ben sfruttabile, c'è spazio per due caschi, un integrale e un jet. Basta ruotare in senso anti orario la chiave nel blocchetto di accensione multifunzione per accedere al vano, dotato di luce di cortesia che si attiva con un sensore di luminosità e di un ammortizzatore che tiene sollevata la sella, rendendo più semplice sistemare gli oggetti. Per sfruttare al massimo la capacità di carico si può sfruttare anche il tunnel centrale, sopra cui si può... incastrare uno zaino (manca un gancio portaborse a cui fissarlo). Restando in tema praticità, il tappo del serbatoio protetto da sportellino è sistemato nel retroscudo, e nelle soste non serve scendere dalla sella per fare rifornimento. Di serie in ne l'X-Town ha una piccola piastra portapacchi su cui si può montare il bauletto, disponibile fra gli accessori originali con il suo supporto, nelle misure da 34, 45 e 47 litri e predisposto per ospitare anche lo schienalino per il passeggero.

Fra città e … autostrada

L'ergonomia è ben studiata, con una posizione di guida raccolta; ma per stare comodi è meglio appoggiarsi al supporto lombare, sfruttando lo spazio sulle pedane ai lati del tunnel che consentono di allungare le gambe. Nel traffico l'X-Town, a dispetto delle dimensioni e del peso, si rivela maneggevole e rapido nell'affrontare i cambi di direzione. Inoltre la seduta molto avvolgente e comoda, unita alle sospensioni a punto, garantisce un buon comfort quando si percorrono strade dissestate. Il motore ha un bello spunto e la trasmissione si rivela scattante nelle partenze e nei repentini chiudi-apri. In città si apprezza anche l'efficacia dell'impianto frenante, pronto e molto modulabile. L'ABS, ben tarato, è una garanzia in ogni condizione. Nei trasferimenti fra tangenziali e autostrade l'X-Town raggiunge i 130 km/h in- dicati e si conferma una poltrona, ma il cupolino di serie è meno efficace di quanto si potrebbe pensare: per questo fra gli accessori è disponibile quello più esteso. Per quanto riguarda il passeggero, può contare su una porzione di sella ampia e comoda, su pratiche maniglie e su pedane sistemate alla giusta altezza. Se in città è nel suo habitat, il Kymco si dimostra un insospettabile mangia curve capace di dare soddisfazioni nel misto, dove la ciclistica solida consente di guidarlo allegri senza che si scomponga, raggiungendo angoli di inclinazione di tutto rispetto. Non è poco per uno scooter. Anche con l'X-Town Kymco ha fatto centro, realizzando un 300 ben fatto in vendita a un prezzo inferiore ai 5.000 euro.

Listino

  • guerraq
    Uomo, 48 anni

    Motore nuovo? - Il motore non e' nuovo, e' il semplice aggiornamento del vecchio 250 gia' montato sul Gran Dink. Il motore nuovo e' il G5 299 cc che montava il DownTown 300 e che ora, leggermente maggiorato (330 cc), monta il DT 350. L'XTown e' invece identico al vecchio DT300 per tutto il resto, hanno cambiato solo il faro posteriore, la grafica della strumentazione e qualche dettaglio secondario

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.