TomTom Vio: la città in tasca


Stefano Borzacchiello, foto Marcello Mannoni martedì, 5 dicembre 2017
Questo non è solo un navigatore satellitare per scooter (e moto), è un inedito modo di intendere il GPS. Lavora abbinato allo smartphone e ne sfrutta "il cervello". Nasce per l'uso di tutti i giorni e visualizza sul display anche chi ti sta chiamando. Ecco come funziona e la prova d'uso



Quante volte vediamo in città, e non solo, persone guidare con in mano lo smartphone per guardare le indicazioni o peggio ancora impegnate a mandare messaggi. Troppe, vero? Purtroppo, per i messaggiatori compulsivi non si può far nulla, se non invitarli a usare il buon senso... ma a chi vuole visualizzare le indicazioni stradali si può invece consigliare l'utilizzo di un navigatore studiato ad hoc. Di modelli ne esistono diversi. Ma se quello che cercate è qualcosa di semplice, compatto e immediato, da usare magari nel solo ambito urbano, il Tom Tom VIO può essere una soluzione innovativa.

IL SEGRETO È NELLO SMARTPHONE 

La peculiarità del VIO è che funziona solo in sinergia allo smartphone cui è connesso Bluetooth; in pratica è un display e il suo schermo touchscreen rappresenta di fatto l'estensione del cellulare. Utilizza infatti come cervello l'App (appositamente sviluppata per Android e iOS) scaricabile gratuitamente sullo smartphone, al pari delle mappe. Ma VIO è molto più di un display, in quanto è dotato di GPS interno: la ricezione del segnale satellitare è garantita sempre, indipendentemente dal fatto che lo smartphone abbinato abbia o meno i "dati attivati".


Altro plus è la durata della batteria, più che sufficiente per un uso autonomo. Mentre i navigatori tradizionali devono essere collegati all'impianto elettrico per garantire una buona autonomia, il VIO se la cava alla grande anche da solo (volendo, si può comunque collegare). Ed è innovativo anche nella forma: ha un design che colpisce e ricorda quello di uno specchietto. Dotato di una cover nera di protezione in silicone, può essere personalizzato con una delle sei colorate, vendute a parte.
Il VIO si monta in un attimo e con facilità sulla staffa dello specchietto o, volendo, sul manubrio. Sul display, con una grafica piacevole e intuitiva (che si può personalizzare) viene visualizzato il percorso "turnby-turn". Oltre alle indicazioni video, il navigatore dà anche quelle audio, trasmettendole agli auricolari o al sistema audio Bluetooth, se installato sul casco.

Se si riceve una chiamata, sullo schermo compare il nome del contatto e la navigazione non viene interrotta. Viene segnalata per tempo anche la presenza di Tutor e Autovelox: un segnale sonoro desta l'attenzione, sul display viene visualizzata la velocità e, se si sta superando il limite, il colore cambia rapidamente.

Poi il VIO mostra la presenza di traffico e suggerisce percorsi alternativi. Si possono memorizzare destinazioni preferite, pianificare percorsi, in modo da trovare la strada in un attimo senza nemmeno impostare la destinazione. ll VIO è progettato per essere montato su uno scooter ma, volendo, si può utilizzare anche su una moto? Certo, ma seppur robusto e impermeabile, non è ai livelli di un Rider (per fare un paragone restando nella famiglia Tom Tom), ci ha precisato la Casa.

Inoltre, sempre a differenza di quest'ultimo che offre di più e costa anche di più (il VIO è in vendita a 169 euro), non consente la pianificazione del percorso prima di partire usando "MyDrive", né offre la possibilità di trovare itinerari tortuosi o panoramici. VIO è quindi un navigatore ideale per la città o per una gita. Per i viaggi ci sono altri prodotti della famiglia TomTom pensati ad hoc.


 

LA PROVA

Tutto facile. Lo si accende, l'App sullo smartphone si avvia e si può impostare la destinazione (dal telefono), oppure sceglierne una salvata o recente (anche dal TomTom). Il VIO mostra le indicazioni passo-passo in maniera chiara, con qualsiasi condizione di luce. Viene segnalata anche l'ora di arrivo.

La posizione in cui è montato consente di guardarlo senza deconcentrarsi dalla guida, basta un colpo d'occhio e si hanno sotto controllo la strada e le condizioni del traffico.

Le istruzioni audio arrivano precise e chiare di modo da poter impostare la svolta con anticipo. Utili gli avvisi video e sonori e poter vedere chi ci sta chiamando. Il supporto e l'aggancio sono sicuri anche se sollecitati dai pavé urbani. La durata della batteria è più che sufficiente per l'uso quotidiano (Tom Tom dichiara fino a 5 ore di autonomia), l'uso dell'App influisce su quella dello smartphone. Quest'ultimo, basta tenerlo in tasca, ma deve essere sempre acceso!

La prova completa è stata pubblicata su Dueruote di Dicembre 2016.